Passa ai contenuti principali

Una soluzione che interpreta la modernità

MODERNITA’ E TRADIZIONE IN UN APPARTAMENTO MILANESE In una casa degli anni ’70 della zona milanese chiamata “città studi” è stato ristrutturato questo appartamento di mq.160 con lo scopo principale di ottenere tre camere da letto. La planimetria originale infatti presentava un ampio spazio d’ingresso e una zona pranzo/cucina nettamente distinta e separata dal soggiorno che non faceva percepire completamente gli ampi spazi disponibili . Nell’ottica moderna di vivere completamente gli spazi destinati a giorno si è perseguita l’idea di mettere in diretta comunicazione la cucina con il soggiorno lasciandola però nascosta alla vista diretta perché filtrata dalla zona pranzo. L’ingresso non è più disimpegnato e si entra direttamente in salotto dove spicca un pilastro volutamente lasciato isolato che segnala la direzione verso la zona notte su cui si affacciano le porte delle tre camere da letto e di due bagni. Anche qui un secondo pilastro allineato al precedente domina la scena del disimpegno, tutto ribassato con luci ad incasso, e regola i percorsi della zona notte. Inizialmente il progetto prevedeva di modellare i pilastri su base circolare creando due colonne colorate ma poi vivendo il cantiere ci si è resi conto che la semplicità delle forme squadrate rendevano meglio l’idea di modernità. All’uso tenue del colore con tonalità ora calde ed intense, ora tenui e delicate, si contrappone il rigore degli elementi di divisione degli spazi: ogni zona della casa ha una propria caratterizzazione mantenendo l’omogeneità dell’intervento. Nella propria semplicità apparente nulla è lasciato al caso e tutto è studiato nei minimi termini per garantire originalità e mantenere il coordinamento dell’atmosfera con la ricerca cromatica delle finiture.

Una soluzione che interpreta la modernità